066 Jutta Richter • La Signora Lana e il profumo della cioccolata

Bice Rinaldi legge La Signora Lana e il profumo della cioccolata di Jutta Richter • musica: Franz Poenitz, Works for Harp (Brilliant Classics 2010) – Laura Vinciguerra, arpa • montaggio e supervisione: Paolo Rovella
Lana

La Signora Lana e il profumo della cioccolata

Come si può dormire tranquilli se a vegliare su di te è Nuvolana Wolkenstein, proprietaria del negozio nero che ingoia i bambini? E come si fa a non avere paura dei suoi occhi inquietanti che cambiano colore e sanno leggere i pensieri? C’è senz’altro lei dietro gli avvenimenti strani che stanno capitando ai due fratelli Merle e Moritz. Quando cala la notte, una porta nera li catapulta nel misterioso mondo dell’Incredibile, dove regna l’invisibile signora Lana e dove la saggia volpe Lacrima d’argento li aiuta a sfuggire ai perfidi gnomi Zannaguzza. Chissà verso quale sconosciuta meta li condurrà la loro strabiliante avventura.

da La Signora Lana e il profumo della cioccolata di Jutta Richter – traduzione di Bice Rinaldi
Beisler Editore 

Jutta

Jutta Richter

Jutta Richter è nata a Burgsteinfurt in Vestfalia nel 1955. Il suo primo libro l’ha scritto ancora teen-ager dopo un soggiorno di un anno a Detroit (USA). Dopo il diploma ha studiato teologia cattolica, germanistica e pubblicistica all’Università di Münster. È considerata una delle più note autrici tedesche degli ultimi vent’anni. Scrive racconti e romanzi per ragazzi e per adulti, nonché canzoni, lavori per il teatro e per la radio. Vince nel 2001 il rinomatissimo DeutscherJugendliteraturpreis. Nel 2007 con il libro Il gatto Venerdì riceve il Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia. Vive in una casa incantata a Westerwinkel, presso Münster.