030 Luigi Ballerini • Il mio nome è Asher Lev (di Chaim Potok)

Luigi Ballerini racconta Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok

Il mio nome è Asher Lev

Il protagonista, Asher Lev, è un bambino ebreo chassidico di Brooklyn, nato con uno straordinario dono per la pittura, che si scontra con la cultura ebraica e le sue tradizioni. Diventa comunque allievo di uno scultore ebreo non osservante e viaggia in Europa a Firenze, a Roma e a Parigi. La sua arte lo porta a confrontarsi con il tema della Crocifissione provocando la rottura con il suo ambiente di origine. Il romanzo affronta dunque il tema del rapporto tra fede e tradizione e il mondo contemporaneo e l’arte e i conflitti che questo genera.

da Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok
Garzanti

 

Ballerini

Luigi Ballerini

È medico e psicoanalista, membro del Consiglio della società Amici del Pensiero alla cui Scuola si è formato. È anche il Supervisore dell’Accademia Oliver Twist, un luogo a Milano in cui attraverso la musica, la danza, il teatro e il canto, i ragazzi imparano a mettersi in gioco, a coltivare una passione e a mantenere un impegno. Si ritiene fortunato per l’opportunità che ha di incontrare molti giovani, sia nel suo studio professionale per le consulenze che gli richiedono, sia presso scuole o centri culturali in occasione di incontri con l’autore e corsi di scrittura per ragazzi. Sarà anche per questo che ha l’impressione che le storie gli vengano incontro e non debba mettersi a cercarle lui. Così, da tempo scrive romanzi e racconti, soprattutto per i più giovani, con il gusto e la passione di raccontare i desideri, le speranze e le fatiche che riempiono i loro cuori. Come giornalista pubblicista collabora da anni, per le tematiche giovani-scuola-educazione, con Avvenire e IlSussidiario.net, mentre su IlSole24Ore (Job24.it) si occupa di questioni di lavoro.